Traduci

lunedì 20 gennaio 2014

SAYDNAYA SI DIFENDE: non finiremo come Maaloula!






Invece di festeggiare la domenica in chiesa. 
La citta' cristiana di Saydnaya ha subito da stamattina un attacco dai Fanatici Whabiti ed e' riuscita grazie ai suoi cittadini (cristiani e musulmani insieme) e all'esercito siriano a respingerli. 
Ma sempre con un prezzo: Philip Alahmar ha difeso la sua citta', la sua famiglia, col suo sangue.


Pregate per Saydnaya!
Samaan


"Le campane di Maloula non suoneranno più"

Maaloula:  icone e  oggetti sacri devastati 

Padre Makarios Kallouma , segretario del Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente per i cattolici melchiti greco ha detto all’ Agenzia Novotsi che gruppi armati del "al- Nosra Front" e membri del movimento Ahrar " elementi di al- Sham " hanno smontato le campane di tutte le chiese del centro storico di Maaloula e bruciato i monasteri di Santa Tecla e San Sergio poi hanno cominciato a scavare dentro le tombe per trovare i resti di Santa Tecla ; hanno anche bruciato due croci dopo averle spezzate .

Padre Kallouma ha rivelato che gli elementi musulmani armati hanno rubato la statua in bronzo di Cristo , che è stata inaugurata il 24 settembre 2008 e che era stata poi collocata all'interno del Convento di Santa Tecla , ed era stata  finanziata dal fondo dell'Apostolo Paolo in Siria , la statua è opera del famoso scultore russo Alexander Rokafichnikov .

Padre Kallouma ha aggiunto che alcuni residenti di Maaloula hanno lasciato il villaggio per rifugiarsi  in Libano, ma la maggior parte di loro è sfollata a Damasco. Molti di loro vivono nella città vecchia, dove solo la  beneficenza fornisce loro un aiuto .

Con un profondo sospiro , il Padre Kallouma continua : "Dopo averci spinti a emigrare e aver rubato le nostre case , hanno distrutto il nostro paese e hanno rimosso i principali simboli religiosi che rappresentano le campane che ci chiamano  alla preghiera .... elementi del Fronte armato al- Nosra vendono i mobili  rubati dalle case del paese , poi  bruciano le case , come se volessero cancellare ogni traccia di cristianesimo e sopprimere la nostra presenza .

http://www.leveilleurdeninive.com/search?updated-max=2014-01-14T08:10:00%2B01:00&max-results=2

Seydnaya e la rocca di Nostra Signora - di Talal Khrais

Il Monastero della Natività della Madre di Dio a Seydnaya sviluppa il suo essere città e comunità, soprattutto cristiana, attorno alla Rocca sacra del monastero della Vergine. Ma Saydnaya presenta numerosi monumenti religiosi sparsi sul suo territorio. Quasi tutti gli edifici cristiani sono il risultato di una presenza che ha inizio nel primo millennio con gli Aramaici, si sviluppa verso il IV secolo con la presenza greca, e matura nel I secolo con l’impero romano per poi sfociare definitivamente nel cristianesimo con una particolarità di non poco conto: quella del culto mariano. Non è un caso, infatti, che Saydnaya significhi “Nostra Signora”.E’ forse per questo che nella città si trova l’omonimo convento sulla Rocca sacra che, dal punto di vista mariano, forse, è il secondo luogo di culto più importante dopo quello di Gerusalemme. L’origine del complesso è databile all’epoca Giustiniana,  come confermano manoscritti conservati nella grande biblioteca del convento stesso. La chiesa della Vergine sorge sopra un antico tempio ellenistico-romano che, probabilmente, aveva origini aramaiche.


In termini di numero di  visitatori, la sua importanza e la popolarità è dovuta ai numerosi e illimitati miracoli che si verificano per l'intercessione di Maria , Nostra Signora , la Madre di Dio - Theotokos .
 Saydnaya contiene un'icona della Vergine Maria e Gesù bambino che si dice dipinta da San Luca Evangelista nel 1 ° secolo dC . Il nome della Icon è " Shaghoura " che significa " The Famous One" 

 La storia della chiesa e del monastero che sono stati costruiti in Saydnaya sulla cima di una montagna alta in Siria risalgono al 547 AD, quando  l'imperatore Giustiniano  e il suo esercito erano accampati nella zona , preparandosi a combattere i Persiani . Vide e seguì un cervo alla cima della montagna , dove scoprì  una grande sorgente di acqua fresca per il suo esercito assetato . Improvvisamente il cervo si trasformò in un'icona brillante , e udì una voce che gli chiese di costruire una chiesa in onore della Madonna .
 La chiesa conserva numerosi manoscritti e icone antiche e preziose .
 Una storia interessante è accaduta quando il Saladino stava combattendo i crociati nel XII secolo dC . Le sue truppe affamate invasero  il monastero di Saydnaya e presero possesso di tutte le forniture alimentari e le riserve che vi si trovavano . Tuttavia, al momento di caricare i beni sui cavalli  e cammelli  , i cavalli e cammelli hanno rifiutato di muoversi , non importa quanto duramente il Saladino ci provasse . Alla fine , dovette scaricare tutti i rifornimenti alimentari e restituirli ai legittimi proprietari prima che potesse andare avanti .
 Un altro miracolo interessante è successo con mia nonna che viveva in Saydnaya nella prima parte del ventesimo secolo . L'olio d'oliva era la più importante fonte di alimentazione  per le suore in quel momento , e gli enormi vasi di creta si erano andati rapidamente esaurendo del  prezioso liquido dorato . Niente era rimasto per le monache in quell’ anno difficile . Siccome mia nonna era nel deposito istruttoria della pratica , ha assistito al miracolo del riempimento di vasi con olio d'oliva puro dal nulla , che era davvero la mano di Dio venuta a salvare il giorno e alleviare le sofferenze delle suore ...

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.